martedì 22 aprile 2008

Tutta colpa di Berlusconi.

Air France si ritira dall'affare Alitalia: la sinistra italiana si affanna a dare la colpa a Berlusconi e alla Lega (appena sentito al TG3 delle 14.20).

Nessuno a sinistra parla dei sindacati e del ruolo cruciale che hanno avuto nella trattativa con Air France: se non sbaglio, nelle settimane scorse erano i sindacati ad aver negoziato (aver provato di negoziare) con Air France, non Berlusconi né la Lega.

Certo, probabilmente il comportamento irresponsabile di Berlusconi e delle sue immaginarie cordate non ha contribuito a rendere migliore il clima, pero' trovo davvero assurdo che dalla sinistra neanche una parola sui sindacati in questo fallimento di trattative.

Quando si tratta di tirare fango sull'avversario, la dignità del politico scende sottoterra.

La destra, liberista che crede nel mercato, parla di prestito ponte, non si sa ancora con quali soldi: probabilmente con quelli dei contribuenti. Ma come, libero mercato dalla mattina alla sera, e poi chiediamo aiuti allo Stato? Dov'è la concorrenza, dov'è il libero mercato?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Fondamentalmente concordo con le tue osservazioni, peraltro se n'era già parlato illo tempore... Solo che, sebbene scoglionato per l'intervento irresponsabile dei sindacati (che - struttura magari autoreferenziale - fa però questo di mestiere), porrei l'accento anche sulla irresponsabilità ben più grave di chi ha strumentalizzato come argomento di campagna elettorale un tema così delicato, speculando (per l'ennesima volta) sulla pelle degli altri (i lavoratori in questo caso). Della sinistra non dico niente, me ne disinteresso fondamentalmente... Quindi, d'accordo sui sindacati, ma non facciamo finta che l'intervento di Berlusconi sia stato privo di effetti nella trattativa e meno scandaloso di quello (incauto) dei sindacati. Sono indignato verso il primo, nauseato verso gli altri.
giovannicoltreno

Colonnello kurtz ha detto...

Ciao Giovanni Coltreno,

Ti ringrazio innanzitutto del tuo contributo in questa goccia di bit in un oceano virtuale che è il mio blog.

Nel mio post sicuramente non volevo discolpare Berlusconi, che rappresenta per il nuovo presidente del consiglio uno dei punti più bassi della sua carriera (e quindi di tutta la politica italiana), ma bensi' porre l'accento sulla meschinità che si puo' raggiungere, in questo caso da sinistra (ma gli esempi da destra non mancano di certa - basta accendere la tv su un qualsiasi programma televisivo), quando si vuole gettare fango sull'altro schieramento.

Avendo seguito la vicenda, sono un po' inorridito quando al tg ho sentito la sinistra accusare solo Berlusconi e il suo comportamento infantile nella vicenda Alitalia. Mi sarei sentito sollevato se avessi sentito parlare di responsabilità da una parte dei sindacati e dall'altra di Berlusconi. Cosi' non fu.