lunedì 2 luglio 2007

Energia elettrica: risparmiare si puo'?


In Francia la EDF, società dell'elettricità francese, fa pagare l'energia in base ad una stima calcolata sul consumo dei mesi precedenti. (*)

Il bonhomme (omarino) EDF, infatti, passa solo un paio di volte all'anno a leggere i contatori.

Nel Febbraio 2006 ho cambiato appartamento: in base ai consumi del periodo Febbraio 2006-Giugno 2006, la EDF ha stimato i miei consumi di elettricità pari a 45€ al mese, specificando che nel Giugno 2007 sarebbe passato di nuovo il bonhomme per leggere i contatori e che ci sarebbe stato il conguaglio.

Preciso che il palazzo dove abito io è sprovvisto di gas (come molti in Francia).

Vediamo cosa è successo tra il Giugno 2006 e il Giugno 2007 nel mio piccolo studio (monolocale) da un punto di vista energetico:

1. Ho cambiato pc. Ho portato in garage il vecchio pc fisso con monitor 19 pollici e ho preso un meno vorace portatile.

2. Ho abbassato la temperatura del boiler scaldacqua (ballon). Il ballon è un contenitore di 100-150l di acqua che di notte si accende automaticamente (quando la tariffa è più bassa) e riscalda l'acqua in esso contenuta.
Il precedente inquilino aveva messa la temperatura al massimo: io ho portato la manopola della temperatura a metà.

3. Ho comprato una presa multipla con interruttore; cio' mi consente di staccare di notte dall'alimentazione: dvd, stereo, televisore.

4. Ho comprato una nuova pentola per la pasta. Grazie alla nuova pentola l'acqua arriva ad ebollizione prima, e non di poco. Inoltre, per mantenere l'ebollizione non ho bisogno di mettere la massima temperatura della piastra. Come se non bastasse, durante l'ultimo minuto/minuto e mezzo di cottura spengo la piastra elettrica: ho notato che l'acqua continua a bollire ugualmente.

5. Ho sostituito il vecchio frigo presente nell'appartamento con un frigo di mia proprietà di classe A, che avevo nel garage inutilizzato.


Risultato: la EDF nelle prossime due settimana verserà sul mio conto 259.99€. Cio' vuol dire che nell'anno Giugno 2006-Giugno 2007 ho speso solo il 52% di quanto aveva stimato la EDF.

Sicuramente ha contribuito l'inverno molto mite ad abbassare i consumi di elettricità, pero', essendo il mio un palazzo abbastanza recente e ottimamente isolato (in tutto l'inverno ho acceso il riscaldamento per circa 30 minuti in totale! e non sono mai morto assiderato né ho patito il freddo), sono convinto che questo fattore non ha avuto un peso molto determinante.

Risparmiare? Si', si puo'.

Note.
(*) In realtà si puo' scegliere di pagare il reale consumo ogni due mesi, ma questo comporta che ogni due mesi bisogna inviare all'EDF, via posto o via Internet, il consumo che si puo' leggere sul contatore. Io ho scelto per il consumo stimato.

2 commenti:

antonella ha detto...

Stai diventando veramente bravo...sono lontani quei giorni e quelle notti in cui il tuo pc era attaccato 24 ore su 24.

Colonnello kurtz ha detto...

E anche i tempi in cui andavo a letto alle 5 del mattino dopo una notte passata sorseggiando del Wild Turke.

Ora alle 11 e mezzo di sera sono già bell'e crepato...