sabato 10 ottobre 2009

Un film: La syndrome du Titanic


Link IMDB
Mk2 Bibliothéque. Salle B, la più grande insieme alla Salla A. Pochissimi spettatori, si vede che il passaparola su questo film è stato negativo.

Nicolas Hulot è il più conosciuto ed ascoltato ecologista francese. Nel 2006 ha scritto Il patto ecologico, che poi ha fatto firmare al presidente della Repubblica eletto l'anno successivo.

Non lo conosco come ecologista, pero' dopo la visione di questo film mi sento di affermare che come regista non è un granché (anzi, come co-regista, visto che il film è firmato insieme a Jean-Albert Lièvre).

Il film - in Francia chiamano film anche i documentari che escono al cinema, e ne escono parecchi - fa acqua: a meno di non aver vissuto in un altro pianeta negli ultimi 10 anni, Hulot non aggiunge niente a quanto il cittadino con un minimo di cervello dovrebbe sapere.

In più il tutto viene raccontato con un eccesso imperdonabile di parole (errore madornale: siamo al cinema, facciamo parlare le immagini), senza un filo conduttore, anzi in modo molto sparpagliato e dispersivo, passando alla leggera su tutti gli argomenti toccati dagli ecologisti di tutto il mondo: flussi migratori di persone da un continente all'altro, sfruttamento eccessivo delle risorse, distribuzione iniqua della ricchezza e cosi' via.

Purtroppo nel film si parla di tutto e niente e troppo superficialmente per mantenere viva l'attenzione dello spettatore, che infatti di addormenta (non io, ma la mia vicina di posto).

Voto di Kurtz: meno.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Nicolas Hulot, écologiste moralisateur qui utilise l'hélicoptère pour ses émissions Ushuaia, qui a fait le Paris-Dakar et j'en passe. Mi raccomando guardi il video sulla cronaca di Stephane Guillon per saperne di più sulla vera personalità di Nicolas Hulot...

Colonnello Kurtz ha detto...

Grazie Anonimo, cerchero' qualcosa di Guillon per documentarmi meglio.