mercoledì 24 novembre 2010

Easyjet, il volo annullato e Franz Kafka.



Tra tutti gli operatori dell'economia mondiale sono due i generi che detesto di più: le compagnie di telefonia e le compagnie aeree.

La mia caustica e graffiante penna ha già informato gli appassionati lettori delle mie avventure con la compagnia di bandiera italiana negli anni scorsi.

Ora tocca ad EasyJet, probabilmente la compagnia più detestata di tutto il web.

L'ultimo week end di ottobre sono stato in Italia, per 3 giorni con la Francese, tra Milano e Liguria.

Il giorno 01/11, dopo 3 piovisissimi - ma ricchi di focaccia al formaggio - giorni italiani, eravamo in coda per l'imbarco del volo EasyJet che alle 19h20 sarebbe dovuto partire da Milano per riportarci a Parigi.

Il volo è stato annunciato con 30mn di ritardo: fin qui niente di eccezionale per EasyJet. Alle 19h30 ci mettiamo in coda per l'imbarco, come bravi cittadini ligi alle regole: già con i documenti in mano, le valigie spedite in stiva, la signorina incaricata dell'imbarco prende il microfono e ci annuncia che il nostro volo è annullato. Senza spiegazioni, neanche lei sapeva il motivo.

Dopo una piacevolissima notte in hotel a spese di EasyJet, il giorno dopo alle 7 possiamo finalmente partire per l'Esagono. Non vi dico il piacere di svegliarsi alle 4h20 per chi non è abituato, e una volta arrivato a Parigi, recarsi subito al lavoro.

Una volta rientrato in Francia faccio delle ricerche su internet e scopro che in questi casi il passeggero ha diritto ad un rimborso di 250€ per l'annullamento del volo. Tutto cio' è previsto dai regolamenti europei, in particolare il regolamento CE 261/2004.

Contatto quindi il servizio clienti di EasyJet Francia e inizia un fitto scambio di mail con Farid, un impiegato EasyJet. Il simpatico Farid dopo aver fatto le sue ricerche ci dice che abbiamo diritto al rimborso di 500€ (250 x 2) e ci chiede di mandargli via mail una lettera firmata dalla Francese in cui la Francese stessa dichiara che il rimborso dei suoi 250€ puo' essere fatto sulla mia carta di credito, avendo prenotato io entrambi i biglietti.

Invio il documento con la firma della Francese via mail e Farid, a cui mi sento molto attaccato, mi dice che la pratica è andata a buon fine, che il versamento è stato effettuato e che apparirà sul mio conto bancario in 5-10 giorni.

Nella nota (1) in calce a questo post ho inserito la magica frase di Farid.

Non nego un certo piacere e soddisfazione per aver condotto quest'operazione con attenzione e perizia, riuscendo nel mio risultato finale.

Con un po' di orgoglio ogni tanto ripetevo alla Francese durante le nostre cene romantiche: "Hai visto, mai fidarsi di quello che c'è scritto su internet. Bisogna sempre filtrare: ho letto di un sacco di persone incazzate con EasyJet perché non sono riuscite ad ottenere alcun rimborso in caso di volo annullato. Invece, basta saperci fare, essere educati ma decisi, e subito loro ti fanno il versamento. 500€ non ci cambiano la vita, ma ci possiamo togliere qualche sfizio".

La Francese durante questi miei deliri mi guardava tra l'ammirata (quando si concentrava sulle parole) e la schifata (quando mi guardava in faccia). Ma tant'è, 250€ non dispiacciano neanche a lei.

E la vita scorreva felice finché...

...

...

...

Dopo due settimane, cioè ieri, non vedendo ancora i soldi sul mio conto (intanto avevo versato alla Francese la sua quota di tasca mia) contatto di nuovo il servizio clienti di EasyJet chiedendo se il mio versamento fosse stato effettuato con successo, dato che ancora non era apparso sul mio conto corrente.

Mi risponde Hassania dicendo che non possono farmi il versamento perché il volo è stato annullato in seguito a circostanze eccezionali!!!!!! In nota (2) in calce a questo post il testo originario.

A nulla sono valse altre mie due mail, a cui hanno risposto Hassania e Issam, in cui allego il testo di Farid che mi parla del rimborso: loro capiscono la mia delusione, pero' non possono procedere con la pratica perché non ci sono le condizioni per il rimborso.

Oggi all'ora di pranzo ho chiamato l'ENAC: la gentile signora che mi ha risposto mi ha consigliato di compilare il modulo elettronico presente sul loro sito, cosi' loro potranno accertare per quali motivi il mio volo è stato annullato ed eventualmente sanzionare la compagnia aerea.

Il tempo di risposta è di circa 4 mesi: non manchero' di comunicare ai miei fidi lettori l'esito di questa vicenda che a volte mi pare assurda.



Notte di Note.
(1) Conformément à notre règlement et à la législation européenne, vous avez droit à une indemnisation de 250.00 € par passager, soit un montant de 500 € qui a été versé ce jour sur le compte de votre carte de paiement. Comptez de 5 à 10 jours ouvrables avant que cette somme n’apparaisse sur votre relevé bancaire.

(2) Nous vous informons ne pas être en mesure de vous offrir 250.00 € de compensation car votre vol a été annulé suite à une situation exceptionnelle .Dès lors, pour des raisons de sécurité, nous n’avons pas eu d’autre choix que d’annuler votre vol.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Volo annullato... sbattimento... perdite di tempo al telefono per il rimborso... se fosse solo questo, penserei che i gestori di Easyjet siano dei mascalzoni. Fin qui poco male, o quasi, ma quando ti accorgi che a causa dello stress ti sei beccato un ulcera perforante, automaticamente questi signori diventano dei delinquenti e non esiterei un attimo a denunciarli!
Spero che tu vada fino in fondo a questa storia allucinante!

radicchiodiparigi ha detto...

Carissimo,
easy jet la più detestata?

Ti dico solo che l'ultima volta che sono "scesa" in italia sono andata, come sempre, cn la ryan.
2 ore (due) di ritardo per un parigi-treviso!
Il ritorno, dopo una settimana, era previsto per le 17.30 da tv Insomma, con il bus e tutto pensavo che sarei stata a casa mia alle 21.00.
me ingenua!
a causa della nebbia all'ultimo momento siamo stati dirottai a charlleroi, in belgio.
Corriera da charleroi a parigi e da parigi a porte maillot.
Alle due di mattina erao a casa.

ah, dimenticavo: l'aereo non è che non è potuto atterrare a causa della nebbia (lo stesso giorno tutti gli aerei sono arrivati a buon porto, oserei dire a charles de gaulle) ma A CAUSA DEL FATTO CHE L AEROPORTO DI BEAUVAIS NON E ' ATTREEZZATO IN CASO DI NEBBIA E PER NON PERDERE SOLDI SONO ANDATI AD ATTERRARE IN BELGIO

arco ha detto...

Sì, concordo con radicchio. Si vede che il Capitano non ha mai volato con ryanair. Non sto qui a raccontare storie personali (lunghe e noiose) ma quelli di easyjet, in confronto, sono dei signori. Intanto ti hanno pagato l'albergo e fatto il rebooking per il giorno dopo; per quanto assurdo e ingiusto possa sembrare, questo per una low cost non è affatto scontato. Comunque la peggiore pare fosse Myair, prima del fallimento: avevano fatto anche un sito di boycott mai+myair...

Anonimo ha detto...

È così che va il mondo, bello! Intanto preferisco fare qualche sacrificio e viaggio oramai soltanto con Vueling per la tratta Roma-Parigi e vice-versa. Organizzandosi in anticipo non costa troppo e ho avuto una volta sola un ritardo di partenza di meni di mezz'ora con caffè-cornetto offerto da loro, su una trentina di viaggi e non fanno scioperi come Alitalia o Air France. (Io con Myair per la Puglia non ho mai avuto problemi, ma devo essere stata fortunata). Inutile insistere per il rimborso, non ti daranno niente. Lola.

neve* ha detto...

Ciao, la compagnia si è comportata come da regolamento europeo. Ti ha riprotetto sul primo volo disponibile e ti ha pagato la notte in albergo. Avrebbero dovuto pagarti anche i vari spostamenti da e per l'aeroporto più i pasti. Per quanto riguarda l'indennizzo effettivamente la 261 recita:
3. Il vettore aereo operativo non è tenuto a pagare una compensazione pecuniaria a norma dell'articolo 7, se può dimostrare che la cancellazione del volo è dovuta a circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso.
Il discorso è capire il motivo della cancellazione e questo scambio di mail è a dir poco disorientante. Prima si e poi no? Prima ti dicono che hai diritto e poi scoprono che non ne hai più? Poco professionali come minimo. Qualcuno ha detto o ha fatto la cazzata. Delle due l'una.
Hai fatto bene ad investivare con Enac per capire qual'è il motivo reale della cancellazione.
Perchè se è stato cancellato per maltempo è un conto, se è stato cancellato per mancanza equipaggio è un altro.
Se è stato infine cancellato per motivi tecnici sei nella merda perchè le compagnie tendono a non indennizzare, ma la legislazione qui è un po' vaga e se ti impunti facendo causa Easy Jet potresti spuntarla.
Ciao

Colonnello Kurtz ha detto...

Anonimo 1: fortunatamente sono un tipo piuttosto rilassato e spero di non farmi venire mai un'ulcera perforante per un mancato rimborso. Più che altro è la sensazione di essere presi in giro che ti spiazza.

Radicchia: fino a qualche anno fa usavo costantemente Ryanair e non ho mai avuto né problemi né un minuto di ritardo. Probabilmente ho avuto fortuna, oppure è peggiorata negli ultimi tempi.
La tua storia comunque ha dei contorni surreali. Atterrare in Belgio perché Beauvais non è attrezzato? Assurdo.
Sull'aeroporto di Beauvais stendiamo un velo molto peloso: non ho mai visto niente di simile.


Arco: sei la seconda testimonianza di quanto sia fetente Ryanair. Inizio a considerarmi fortunato perché EasyJet ci ha pagato gli spostamenti verso l'hotel, la cena e l'hotel stesso.

Lola: terro' d'occhio Vueling, anche se mi pare che abbia ridotto la frequenza di alcune tratte. Io l'ho presa qualche volta e a parte un ritardo di 4 ore una volta, per il resto mi sono trovato bene. Soprattutto gli aerei nuovi mi erano piaciuti molto.

Neve: sei professionale come sempre :-)
Nel post forse non l'ho scritto, ma EasyJet in effetti ci ha pagato anche i trasferimenti da e verso l'hotel, la cena in hotel e la prima colazione.
Nel complesso non si sono comportati male: è stato il servizio clientela interpellato dopo che mi ha fatto cascare le braccia. Domani chiamo Altroconsumo per sapere come posso agire. Se il volo è stato annullato per motivi da loro indipendenti da loro, pazienza, ci mettero' una croce sopra, pero' almeno potro' dire di essere andato a fondo.