martedì 2 febbraio 2010

Ristoranti e bar a Parigi: Miroglio caffè

Aggiornamento di giugno 2010: Marina, la proprietaria del Miroglio Caffè, nei commenti su questo post ha precisato alcune cose sul prezzo delle consumazioni: vi invito a leggere il suo commento al post.


Fine della nota. Segue il post originale.



Un nuovissimo caffè torinese a Parigi, in pieno centro e a due passi dal Pompidou.

L'ho scoperto sabato sera quasi per caso, anche se ne avevo letto sul sito Italie a Paris

Il bar è molto elegante, ed arredato con un certo stile: i tavoli non sono pressati l'uno contro l'altro come nella maggior parte dei locali pubblici a Parigi (un giorno parlero' di questo aspetto e del mio vago sospetto che le norme antiincendio più elementari non siano rispettate neanche lontanamente) e il personale molto gentile.

L'ambiente è molto italiano, sia per la clientela che per i camerieri, che parlano tutti un ottimo italiano (immagino siano italiani o italo francesi).

La formula è semplice, ma una vera novità per Parigi: paghi 12€ e hai diritto ad una bevanda e al buffet a volontà. Io ho preso un buon (e abbondante bicchiere) di Lacrima Christi, mentre Caroline un cocktail analcolico.

Per quanto riguarda il buffet, c'era del formaggio - gorgonzola e ricotta, dei crostini con bresaola e parmigiano, insalata di pasta e di riso, della polenta e sicuramente qualcosa d'altro che ora mi sfugge. In complesso la qualità è buona.

Il dolce, se lo si vuole, si paga invece a parte: io ho preso un cannolo siciliano al cioccolato, dal costo di 2.5€ e un minuscolo bacio di dama, 50cent. Ad essere sincero ho trovato i dolci cari e la qualità non esaltante.

Nel complesso un bel posto, dall'atmosfera piacevole e dalla qualità buona. A parte ad essere il primo a proporre l'aperitivo, perché a Parigi quest'abitudine non c'è.

L'unico problema della rigida formula bicchier + buffet a volontà è che se dopo il primo bicchiere ne avete voglia di un altro siete costretti a spendere altri 12€, perché il bicchiere va sempre con il buffet.

Per le bevande più costose, come lo champagne, il bicchiere + buffet costa 14€.

Il Miroglio caffè si trova in 88 Rue Saint Martin, nel 4 arr.

Questo il sito ufficiale.

11 commenti:

arcomanno ha detto...

"L'unico problema della rigida formula bicchier + buffet a volontà è che se dopo il primo bicchiere ne avete voglia di un altro siete costretti a spendere altri 12€, perché il bicchiere va sempre con il buffet."

La pessima abitudine dell'aperitivo all'italiana (l'offerta obbligatoria di qualcosa di non richiesto), insomma, accoppiata ad un prezzo parigino.
Non è che mi esalti, ma bon, può essere che mi sono dispatriato un po' troppo...

Colonnello Kurtz ha detto...

Io avrei messo il secondo bicchiere ad un prezzo più accessibile, per es. 6€, altrimenti per bere due bicchieri e mangiare qualcosa se ne vanno 24€.

La formula tutto compreso a me non dispiace: se vuoi solo bere e pagare al bicchiere a Parigi non manca di certo la scelta.

arcomanno ha detto...

Infatti ormai mi ci sono abituato. Sarà per quello. C'è da dire che in Italia mi ero stufato di quei posti che ti servivano un quintale di roba inutile (pessime insalate di riso, mortadella, formaggio da discount) per fare l'aperitivo: finivi per mangiare male e rovinarti l'appetito. Preferisco un pastis liscio, o un bicchiere di vino. E poi, cena!

Colonnello Kurtz ha detto...

Io invece trovo che l'idea dell'aperitivo servito nelle città italiane sia una buona cosa perché ti permette di uscire spesso dopo il lavoro senza fare troppo tardi in settimana e mangiare qualcosa senza svenarti.

E' ovvio che quando vai ad un aperitivo non hai pretese di mangiare bene, quanto piuttosto di accompagnare qualcosa alle bevande.

L'utilità dipende tutta dallo stile di vita: se sei studente puoi permetterti di fare più tardi la sera, uscire dopo cena, mentre quando lavori i ritmi cambiano e non hai sempre voglia di uscire in settimana dopo cena. Uscire spesso a cena neanche a parlarne per via dei costi...

arcomanno ha detto...

Sì, è vero, ma resta il fatto che con 24 euri a Parigi fai delle cene di un certo livello (altro che 2 bicchieri di vino e buffet libero). Ma a proposito, questa cena?

Colonnello Kurtz ha detto...

Ma infatti spendere 24 euro per due bicchieri e un buffet senza neanche il dolce non ha senso.

In un posto del genere un bicchiere te lo devi fare bastare.

Per la cena contattami in privato all'indirizzo mail presente sulla pagina del mio profilo.

MarinaMiroglio ha detto...

Salve a tutti, e soprattutto a Colonnello Kurtz che ringrazio per il lungo, bello e "quasi" giusto articolo.
Il solo errore è nel prezzo della 2° consumazione. Da quando abbiamo iniziato l'Apericena, la seconda bevanda è sempre stata dai 5€ per gli analcolici, birra, vino... fino ai 7,50€ per un cocktail I.B.A. e con sempre il buffet a volontà.
Se i miei ragazzi/e si sono sbagliati a spiegare a Kurtz, me ne scuso immensamente. Pensavo che la nostra carta fosse esplicita. Peccato che tutti i commenti siano stati fatti senza venire nel nostro caffé.
Spero abbiate voglia di passare e spero che amerete cio' che proponiamo. Lo facciamo con il cuore. Io sono torinese, da più di venticinque anni a Parigi, e ho cercato di ricreare un pezzetto della mia città a Parigi. Certamente tutto non è perfetto come nei caffé torinesi che hanno due secoli di storia... noi, con i nostri cinque mesi di esistenza, abbiamo bisogno dei commenti e consigli dei nostri clienti, italiani e francesi per migliorarci e darci l'energia per continuare...

Colonnello Kurtz ha detto...

Ciao Marina,

Grazie per le precisazioni. Aggiungo una nota sul post originale che rinvia al tuo commento, cosi' il lettore sprovveduto avrà più chiara la situazione.

Complimenti per la passione che mettete nel condurre il vostro locale: è sempre un piacere ritrovare un angolo italiano a Parigi.

Ciao.

marinamiroglio ha detto...

Mille grazie per aver messo un rinvio sul mio commento. L'ho trovato navigando su Google.it, dove il tuo blog appare più volte. Se avessi più tempo disponibile sarei una tua assidua lettrice, amo molto il sottile umorismo dei tuoi commenti sulla società & compagnia, ma avere un locale pubblico come un caffé, bar o ristorante è un'impegno senza fine, soprattutto per chi, come me ha scelto di essere sempre aperti.

Unica derogazione, per luglio e agosto, apriamo dalle 16h ma chiudiamo alle 2 del mattino.
E per i nottambuli, nostalgici delle notti estive italiane, a Mezzanotte facciamo la famosa "Spaghettata di mezzanotte". Souvenir, souvenir del mio passato torinese...

Anonimo ha detto...

Personamente l'ho trovato un vero e proprio imbroglio!Nulla a che vedere con l'aperitivo alla torinese dove prendo un birra (leggere due o tre!) e mangio a volontà!La formula bicchiere + buffet si traduce in una spesa esorbitante!Per due birre e due bicchieri di vino accompagnate da quattro stuzzichini mi son ritrovato a pagare 40 euro!da non credere!ci sono migliaia di bar migliori anche restando in zona.di certo là non mi vedranno più.Caro miroglio cafè...a mai più rivederci!

Anonimo ha detto...

mi sono collegata a quest'ora solo per dire:NON ANDATE AL CAFFè MIROGLIO!!
io posso capire che sia in una buona postazione, ma qualsiasi cosa, da una coca cola a un bicchiere di vino, non costa meno di 5 euro, e se solo prendi al buffet un pezzettino piccolo come un post-it di pizza, ecco che il prezzo aumenta di dieci euro!!!vergogna!!!anche perché NEMMENO I FRANCESI TI FANNO DEI PREZZI COSì!VERGOGNA!